Cracovia, Dove andiamo?, POLONIA

Auschwitz e Birkenau: Come arrivare? Dove prenotare? Come organizzare?

Ci sono viaggi nella vita che ti segnano più di altri da un punto di vista morale, come Auschwitz e Birkenau.
Un’opportunità di crescita, di consapevolezza, una presa di coscienza su ciò che è stato, su qualcosa che ha cambiato per sempre le sorti della storia.

Cracovia avrà per sempre nel nostro cuore un posto speciale, qualcosa che difficilmente si descrive con parole.
Bisogna viverla.
Le informazioni che si trovano in rete al riguardo sono spesso frammentarie e poco chiare, ho per questo deciso di preparare un mini-guida su come arrivare e visitare il museo e il campo di concentramento più grande e sfortunatamente “più famoso” del mondo.

Come arrivare ad Auschwitz?

Il nome polacco di Auschwitz è “OSWIECIM“, questa piccola indicazione vi sarà utile per individuare con più facilità i pullman diretti in questa località.
La soluzione più comoda e veloce è il PULLMAN. La stazione dei pullman più grande di Cracovia si trova alle spalle del centro commerciale “Galeria Krakowska”, a pochi passi dal centro storico.

INDIRIZZO STAZIONE PULLMAN Kraków Główny, 30-001 Kraków, Polonia

Giunti alla stazione vi basterà chiedere alla biglietteria un biglietto per “Auschwitz Museum“. Ci sono varie compagnie, loro vi indicheranno direttamente il prossimo a partire.
Il biglietto del pullman ha un costo di circa €3,00 (9/14 zloty) SOLO ANDATA. Potete controllare orari ed altro qui.

Una volta a bordo ci fu comunicato che con una piccola differenza da dare all’autista avremmo potuto aggiungere anche il ritorno.
N.B. Vi consiglio di lasciare il ritorno “libero” in modo da poter usufruire poi del pullman che vi è più comodo per orario etc, in modo da non essere vincolati dall’orario di un’unica compagnia. In tal caso il ritorno ha lo stesso prezzo dell’andata circa.
Il pullman impiega poco più di un’ora per arrivare a destinazione ed effettua una fermata ad Auschwitz città ed una ad Auschwitz Museum, che è quella dove dovrete scendere.
Per il ritorno, nel caso abbiate seguito il mio consiglio di lasciare il ritorno libero, all’uscita dal museo troverete uno stazionamento pullman diretti a Cracovia con la possibilità di fare il biglietto a bordo.

Dove prenotare la visita?

Evitate di incappare in siti che vi propongano tour organizzati a prezzi stratosferici.
L’ingresso senza guida al museo è GRATUITO ma personalmente credo che sia inutile vagare per i cameroni del campo senza qualcuno che possa spiegarvi e soprattutto trasmettervi emozioni con i propri racconti.
Vi consiglio vivamente di prenotare la vostra guida, possibilmente in lingua italiana in modo da potervi lasciare prendere dalle sensazioni che questo posto vi può dare.
Prenotare una guida è semplice (ed è meglio farlo con anticipo poichè ogni tour è a numero chiuso per gruppi di cira 15/20 persone) ed è possibile farlo direttamente dal sito ufficiale che trovate in lingua inglese.
Prenotare il ticket online ha un costo di circa €10,00 (45 zloty).
I tour in lingua italiana sono tre: ORE 10:15 – 11:45 – 13:15
Bisogna tassativamente arrivare 15 minuti prima all’entrata poichè dovrete passare dei controlli con metal detector e ritirare le vostre cuffie.

IMPORTANTE: I controlli sono estremamente rigidi per cui arrivate preparati. Non è possibile introdurre all’interno del museo più di una borsa a persona, che non superi le dimensioni di un foglio a4, insomma massimo 30x20x10 cm. Tutte le altre potranno essere conservate all’interno del guardaroba PRIMA di entrare, a pagamento.

Il tour dura in totale 3H50. Una volta conclusa la visita di Auschwitz una navetta vi porterà a Birkenau per la seconda parte del tour.
Organizzare la visita al museo FAI-DA-Te senza quindi ricorrere a tour organizzati estremamente dispendiosi a confronto è la soluzione migliore. Per quanto riguarda la guida, come vi dicevo, è secondo me INDISPENSABILE per vivere questa esperienza con coscienza e consapevolezza.
Ogni guida decide un percorso leggermente differente sebbene alcune tappe siano “obbligatorie”. Noi abbiamo adorato la nostra guida per la grande umanità ed il trasporto con cui riusciva a parlarci di ogni singolo dettaglio.
Che altro aggiungere, come al solito mi sono dilungata tantissimo. Per noi questa visita è valsa l’intero viaggio, un’esperienza da fare almeno una volta nella vita, che ti segna nel bene e nel male e ti rende semplicemente MIGLIORE. Spero che i miei consigli vi saranno d’aiuto e soprattutto buon viaggio e buona permanenza! <3

Siamo stati ad Auschwitz e a Birkenau, due posti che incutono timore e allo stesso tempo tristezza, un senso di oppressione, impotenza, la sensazione che si prova stando lì non si può raccontare, camminare dove hanno camminato migliaia di deportati prima di morire, vedere dove lavoravano con la speranza di continuare a vivere, vedere i loro capelli, i loro effetti personali, la loro storia, i forni crematori.. ..una sensazione inspiegabile, un'esperienza che a mio avviso almeno una volta nella vita tutti devono fare! È un'esperienza che ti fa crescere, ti fa capire veramente il valore della vita, quanto è importante vivere! Ti fa capire che tutti hanno il diritto di vivere qualsiasi sia il colore della loro pelle, di qualsiasi religione siano, qualsiasi razza, credo politico e orientamento sessuale. E non tanto per dirlo, credetemi! #wanderlustinlove • • • #wanderlust #passion #love #inlove #instalove #auschwitz #birkenau #krakow #poland #polish #trip #travel #travelling #travelphotography #photo #photographer #photooftheday #instaphoto #instatravel #instatraveling #norazzismo #noracism #mood #instamood

A post shared by Wanderlustinlove.it (@wanderlustinlove.it) on

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *